Gli articoli di Edoardo – Non sai mai quello che ti capita

Cari amici traders

questa settimana finalmente ho avuto un po’ di respiro dopo un’inizio Settembre davvero febbrile, fra giornate sui mercati, corsi ed allievi che seguo quotidiniamente.

La vita del trader,ma in fin dei conti quella di ogni professionista, è un po’ come una sessione di negoziazioni appena iniziata; non puoi sapere se davanti a te avrai una giornata direzionale o laterale.

Hehe, lo so che mentre leggevi questa frase stavi pensando alla scatola di cioccolatini di Forrest Gump, c’è quello dolce che ti lascia quel fantastico aroma avvolgente nel palato oppure quello che ti irrita gengive, cute e quant’altro. Sorvolando sul “quant’altro” anche questo parallelismo lo definirei piuttosto appropriato al mestiere del trader.

Ieri è stata una di quelle giornate che racchiudeva al suo interno entrambi i cioccolatini. Se segui la mia operatività saprai che gran parte della mia attività si svolge nelle prime due ore della sessione americana; bene, gli strumenti che seguo più spesso in quel frangente si rivelavano piuttosto enigmatici e di sottile interpretazione, per poi tornare assolutamente lineari, quasi banali, verso le 17.

Questa che ti posto è un’operazione davvero semplice chiusa ieri, si tratta di un’entrata in scalping con stop molto stretto e man mano che si è sviluppata ho deciso di trasformarla, una volta preso il mio primo sacrosanto profitto, in un’operazione di più ampio respiro.

Le dinamiche di mercato sono SEMPRE LE STESSE e lo saranno sempre, dato che tali devono essere per ragioni fisiologiche che stanno alle basi del funzionamento del mercato, semplicemente in alcuni giorni si estrinsecano in maniera più o meno “schietta”.

All’università avevo un’amica che definire poliedrica era un eufemismo, a periodi alterni se ne usciva con uno dei suoi tanti e variegati interessi che spaziavano dalla pittura alla matematica ( sic! ) passando per la cucina e la recitazione.

Di certo era una persona molto creativa ma questa sua creatività si estrinsecava attraverso attività, e quindi modalità, diverse; a seconda del “periodo”.

Il nostro mestiere come trader è quello di riuscire a guardare al di là dell’apparenza, della facciata, perchè la verità, l’unica, che determina i movimenti dei prezzi è sotto gli occhi di tutti, su qualunque grafico.

Questo ovviamente presuppone non basarsi esclusivamente su fattori tecnici, ma dare un ruolo anche alla propria CAPACITA’ DI VALUTAZIONE, un ruolo di fiducia, padronanza ma anche di autocritica al momento giusto, caso mai fosse necessario rimettere in discussione alcuni aspetti.

In alcuni momenti ti sentirai sicurissimo di te, e quelle saranno le tue “operazioni da tripla A”, in altri momenti meno, e li forse non ti sentirai di operare proprio, decisione più che saggia eventualmente.

Ma anche nei momenti in cui questa verità sembra offuscata basta porsi le giuste domande, le risposte arriveranno prontamente.

Ti ringrazio per l’attenzione e ti auguro buona giornata.

Re-think your trading!
Edoardo

Leave a Reply