Gli articoli di Edoardo – Una nuova tecnica di Scalping

Cari amici traders,

si dice Pasqua con chi vuoi, ma questi giorni pasquali li ho passati prevalentemente in famiglia. Sono da sempre stato un amante dei viaggi, anche piuttosto avventurosi, ma in genere nei periodi turisticamente affollati preferisco evitare di muovermi.

Questa è un po’ diventata una regola non scritta delle mie abitudini; dettata molto probabilmente da alcune abitudini prese in merito al trading, ovvero cercare di fare IL CONTRARIO di quello che generalmente tende a fare la maggioranza delle persone.

Questi giorni di Pasqua si sono rivelati però molto utili perchè tra una passeggiata all’aria aperta ed un pranzo di quelli da cui ti alzi rotolando, ho deciso di condividere con chi mi segue una nuova tecnica, molto potente ed efficace per ricercare un’inversione di trend con una certa sicurezza e semplicità.

Ovviamente non si tratta di ricercare l’inversione del secolo capace di arricchirti con un’unica operazione. Tutto il contrario. Si tratta di una tecnica capace di indicarti dei momenti molto propizi per portare a casa quei 10, 15, 20 ticks, in base ovviamente alla volatilità del mercato.

Bricioline se vogliamo, ma se mettiamo insieme tante piccole briciole prima o poi otteniamo una bella pagnotta!

Del resto è proprio questa la filosofia dello scalping. C’è chi definisce scalping l’operatività su timeframes bassi, oppure l’aprire e chiudere parecchie operazioni in un breve lasso di tempo, oppure ancora prendere piccoli movimenti.

In realtà lo scalping è tutto questo insieme e può essere ancora di più, personalmente mi piace definirlo come una strategia volta a prendere piccoli movimenti di prezzo che un vantaggio statistico mi elegge come molto probabili al verificarsi. Ma tale vantaggio statistico contempla che il target è molto probabile che venga preso proprio perchè è ravvicinato e per questo è BEN DEFINITO. Non ci sono quindi tutte quelle variabili di gestione da tenere in considerazione.

Ho deciso di battezzare questa tecnica FRICTION BAR, “barra di attrito” nella lingua di Dante, perchè essendo il setup basato sulla convergenza tra una particolare configurazione grafica di Price action ed una altrettanto particolare configurazione dei VOLUMI di scambio, estrinseca molto accuratamente l’attrito che in certe fasi di mercato si verifica tra compratori e venditori. E noi andiamo con chi vince.

Questo significa che anche se non hai frequentato il mio Master puoi comunque utilizzare questo setup in quanto va a sintetizzare delle dinamiche specifiche di manipolazione dei prezzi.

La FRICTION BAR sarà l’argomento del magazine “CLUB PREMIUM” di Aprile 2018, ti spiegherò durante i vari video come utilizzarla per entrare, dove piazzare Stop loss e Target e soprattutto come filtrarla nelle sue varianti. Ti ricordo che come sempre i posti sono limitati e che dal mese prossimo questa tecnica sarà disponibile tramite Coaching Tecnico, hai quindi la possibilità di accedervi oggi ad un investimento di meno della metà.

Ti auguro uno splendido fine settimana.

Re-think your trading.

Edoardo

 

 

 

Leave a Reply